La forma dell’incandescenza

lettura concerto dedicata a Alice Munro
con Anna Amadori
e la musica dal vivo di Meike Clarelli (canto), Giuseppe Franchellucci (violoncello)

Venerdì 2 luglio 2021, ore 21.30
Arena Orfeonica di Broccaindosso
Via Broccaindosso, 50, 40125 Bologna

Le parole sono la forma dell’incandescenza, lo stampo dell’orafo dove la materia grezza estratta dalla terra decanta pulita in vuoti e pieni a formare il disegno: questo è la scrittura della Munro, una forma radiosa, perfetta, miracolosamente ferma; ci colpisce e ci penetra come se tutto quello che si legge succedesse lì, nel momento in cui si legge. Provo a dare voce e corpo ai suoi racconti secondo il suo insegnamento: mantenere il disegno per quanto bruciante senza lacrimare mai, sostenere l’incandescenza.
La Munro ci sospinge nell’infinita complessità delle cose dove affiorano improvvise, senza analisi e compiacimenti, con l’evidenza delle cose ingrandite dalla superficie del lago, le vertigini, i vortici, gli scarti – intangibili e potenti – dell’esistenza di donne comuni – rivelazioni inaspettate, illuminazioni postume e su tutto la forza di esserci, la vita che non si può e non si vuole buttare: scelgo due di queste donne e ne incrocio i destini e i racconti per formare un’immagine composta e luminosa del suo pensiero sul femminile. C’è una figlia in Prima che tutto cambi, c’è una sorella in Scherzi del destino. E ci sono le canzoni che sembrano dare un senso a quanto accade, entrano in risonanza con le vicende e allargano la percezione dei sentimenti che – come forze sotterranee, vulcani tenuti a bada – le scuotono e le fanno avanzare.

I racconti

Prima che tutto cambi: una figlia lascia Ottawa, dove studia, e torna a casa, nella piccola cittadina dove il padre esercita la professione di medico, dopo la fine della relazione con R., il suo compagno. Il racconto è una lunga lettera a lui, R., e questo è l’accadimento di Prima che tutto cambi. Non succede niente perché tutto è successo prima, prima che tutto cambi. Il passato fa incursione in un presente addomesticato a abitudini consolidate e svela la sostanziale menzogna di una vita che si consuma in una verità apparente: “Ricorda, l’attuale Re di Francia è calvo”. La figlia prende la sua Mini, se ne va, è libera e felice ora.

Scherzi del destino: è la storia di un amore. Robin, 26 anni, infermiera, si dedica a sua sorella malata di asma e si concede uno spettacolo – di Shakespeare immancabilmente – per ogni stagione estiva del teatro di Stratford. Quell’anno danno Antonio e Cleopatra e lei indossa un vestito verde. All’uscita dallo spettacolo si accorge di aver lasciato la borsetta nel bagno. Ha tutto lì dentro: denaro, documenti, biglietto di ritorno. E’ quel giorno che incontra Danilo, gentile, generoso, che si offre di aiutarla. Passano una sera bellissima a parlare. Al momento di salutarsi, sulla banchina del treno, si baciano a lungo e si danno appuntamento per il prossimo anno, per il prossimo Shakespeare, con la promessa di indossare lo stesso vestito verde. Robin vive quell’anno con il pensiero di Danilo sempre accanto, protetta e nascosta dall’incanto della parola destino, che però a volte gioca con i suoi prescelti, creando intrecci degni di una commedia di Shakespeare. Sarà così per Robin e Danilo. Scherzi del destino porta nel silenzio del mondo femminile, nella mappa domestica dove l’accettazione della propria vita, invece di rassegnazione, è comprensione della realtà e capacità di sostenerla e trasformarla, con tutte le risorse possibili, anche con la fantasia del sortilegio.

La musica

La musica dal vivo da Meike Clarelli (canto e sintetizzatore) e Giuseppe Franceschelli (violoncello) si intreccia ai racconti con canzoni e composizioni sonore sul testo in lettura.


La biglietteria è aperta anche da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.